Ristrutturazione a prezzo fisso

Ristrutturazione con unione di due appartamenti, a prezzo fisso, particolare del battiscopa in legno e del pavimento a spina

Ristrutturazione con unione di due appartamenti, a prezzo fisso, stabilito al momento dell’affidamento dell’incarico.

Ristrutturazione a prezzo fisso con unione di due appartamenti - pianta

L’intervento ha prodotto l’unione di due appartamenti in uno più grande, ricavando una  zona giorno composta da ampia sala da pranzo e soggiorno, cucina abitabile, studio e bagno; La  zona notte è composta dalla camera matrimoniale dotata di guardaroba e servizio, oltre alle altre  camere e bagno di zona notte.

L’intervento ha comportato il rifacimento di tutto il pavimento, massetto e sottofondo, gli impianti esistenti e diverse pareti interne.

[gdl_gallery title=”ristrutturazione-prezzo-fisso” width=”140″ height=”140″ ]

Tutti gli impianti sono stati sostituiti: la caldaia  con una a condensazione del tipo Immergas Hercules condensing ;  Sostituiti pure l’impianto di distribuzione,  di emissione  e di regolazione del calore,  l’impianto idrico e di scarico, quello elettrico, telefonico, ADSL, televisivo,  satellitare, citofonico e quello d’aspirazione (centralizzato).

L’impianto di depurazione dell’acqua è collegato ad un rubinetto a tre vie, posto in cucina, che eroga l’acqua calda, la fredda e quella depurata. E’ stato realizzato anche un collegamento che consente di inviare direttamente al locale lavanderia, nella cesta del bucato, i panni da lavare.

Il pavimento è stato finito con legno massello da 15 mm , posato a spina “alla francese”. I posatori del pavimento, per raccordate una differenza di altezza di 5 cm, hanno ben risolto una piccola rampa ed uno scalino in corrispondenza di una porta di servizio.

[gdl_gallery title=”ristrutturazione appartamento” width=”140″ height=”140″ ]

Sono stati rifatti i bagni, sostituiti i sanitari, le pavimentazioni, e le tinteggiature delle pareti interne ed esterne.

[gdl_gallery title=”ristrutturazione-cucina” width=”140″ height=”140″ ]

E’ stata realizzata una nuova cucina con piano in “corian” e piastre ad induzione.

Alcune finestre esterne sono  state trasformate in porte finestre, con un grande vantaggio per la qualità e la  luminosità degli ambienti interni. Sono stati eliminati i cassonetti delle vecchie tapparelle, sostituite da più performanti persiane blindate in classe anti-effrazione “3” . I vecchi infissi sono stati sostituiti con nuovi con migliori prestazioni termiche, acustiche e di tenuta , con trasmittanza media pari a circa 1.20 W/mqK tali da poter accedere alla detrazione fiscale del 65% in dieci anni.

[gdl_gallery title=”ristrutturazione-esterni” width=”140″ height=”140″ ]

La Ristrutturazione con unione di due appartamenti, a prezzo fisso,  indicatoci dalla Committenza  al momento dell’affidamento dell’incarico. Rispettare il budget definito ed assecondare le altre richieste della committenza, ha comportato naturalmente un lavoro di accurata analisi e preventivazione con la  valutazione di numerosi prodotti , diverse  tecnologie e relativi preventivi proposti dalle diverse ditte.

Per raggiungere questo obbiettivo, abbiamo potuto contare sulla costante disponibilità da parte della committenza per le ricerca del miglior punto di equilibrio tra le diverse esigenze e sulla collaborazione delle imprese artigiane che poi hanno eseguito l’opera:

 

Opere edili e tinteggiature: 2MC srl del Geom. Salvatore Maio

Impianto idro termo sanitario: Idromax di Massimo Cappella

Impianti elettrici: Luma System s.r.l.

Pavimento in legno: Pavinlegno s.r.l.

Senza-titolo-2

Sanitari e ceramiche: Cambielli Arredo bagno

logo-cambielli_

Infissi esterni: Infistil s.r.l.

logo-infistil_

Persiane blindate: Faenza infissi s.r.l.

logo-faenza__

Arredamento cucina e guardaroba: Cecchetti Arredamenti s.r.l.

logo cecchetti

 

Mutuo erogato da Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni

logo

 

Uffici e showroom

Progetto per la realizzazione di Uffici e showroom in un capannone industriale.

La soluzione proposta prevede uno showroom su due livelli, con un’ampio spazio a doppia altezza, uffici con soluzione open space con grandi tavoli divisi per gruppi di lavoro ed uffici chiusi per i dirigenti e sale riunioni. Il magazzino occupa una ampia zona a parte, in cui è stata ricavata un’area per attività di R&D,

Il collegamento tra gli spazi è realizzato mediante un corridoio, il cui percorso è scandito da colonne metalliche, tinte con vernice ferromicacea nera. Nel controsoffitto del corridoio, sono collocate le dorsali degli impianti elettrici e termici, oltre al sistema di fan coil per il condizionamento dell’aria, ed il proprio sistema di illuminazione. Gli impianti di mandata di aria primaria sono a vista, mentre il recupero avviene attraverso apposite prese ricavate nel sistema del corridoio. Gli archivi sono ricavati a ridosso del corridoio, assegnando un locale per ciascun gruppo di lavoro.

[gdl_gallery title=”uffici” width=”140″ height=”140″ ]

Le postazioni di lavoro sono state ricavate con una soluzione open space: grandi tavoli aggregano i gruppi di lavoro, mentre alcune attività che hanno maggiore bisogno di riservatezza, sono chiuse da pareti vetrate. La presenza di una rampa carrabile di accesso al piano superiore, ha caratterizzato il piano inclinato del soffitto, che è stato debitamente isolato termicamente. Una superficie trasparente opaca, realizzata con lastre piane estruse in policarbonato, si affaccia sul locale open space, illuminando lo spazio retrostante.

Una superficie trasparente opaca, realizzata con lastre piane estruse in policarbonato, si affaccia sul locale open space, illuminando lo spazio retrostante. In corrispondenza delle scale, il sistema si inclina secondo l’andamento della rampa.

I bagni del piano terra non hanno finestre, per accentuare il contrasto luminoso realizzato utilizzando delle lampade algene puntate sulle ceramiche bianche, sono state scelte delle piastrelle in gres di tinta scura.

Le strutture portanti dello show room, sono realizzate in acciaio, i parapetto realizzati con corrimano in ferro e corde in acciaio. Per sostenere la trazione delle corde, i terminali sono stati rafforzati.

Lo show room è realizzato in un grande spazio aperto su due livelli, illuminato da una grande vetrata a tutta altezza.

[gdl_gallery title=”show-room” width=”140″ height=”140″ ]

 

 

Mobile porta stereo

Questo mobile , di evidente derivazione dal nostro PC, è una consolle musicale nella quale riporre e gestire i CD ed il lettore musicale, con incorporato sistema di diffusione musicale .

[gdl_gallery title=”mobile-porta-stereo” width=”140″ height=”140″ ]

 

Porta computer

Porta computer

Con questo progetto di mobile porta computer abbiamo pensato, forse banalmente, al PC come oggetto simbolo delle nuove tecnologie; l’informatica esce dall’ufficio ed entra in casa. Il computer modifica in modo sostanziale le nostre abitudini domestiche, e tuttavia, non ha uno spazio nella casa; il mobile che proponiamo risponde a questa esigenza.

La forma del mobile mobile porta computer, dunque, vuole esprimere: la perfezione dellla tecnica, la complessità della scienza che la precede e la meraviglia che suscita, soddisfare il bisogno di riservatezza, quindi la protezione, sia dei dati che dalla macchina in sè, ed ancora contrapporre al distacco ed alla freddezza della tecnica l’accoglienza ed il calore del luogo domestico. In astratto la forma della sfera ci è sembrata la forma più adatta a rappresentare l’idea di perfezione, ma subito la catena di analogie si è arricchita con i riferimenti al mappamondo, immagine suggestiva dove la rappresentazione del mondo evoca il navigare, reale o virtuale , quindi all’astrolabio, strumento di tecnica raffinata che rimanda ad una scienza arcana e complessa.

[gdl_gallery title=”Porta computer” width=”140″ height=”140″ ]

Lo scrittoio tradizionale è un’ulteriore fondamentale riferimento: è un mobile che diventa uno studio in miniatura, capace di creare uno spaziodove si lavora e si costudiscono la carte, legato ad un’idea i riservatezza e di privatoche sono parte fondamentale della natura e di concetto di domestico: da qui il meccanismo di apertura del mobile, la scelta del legno legata ad un senso di coninuità per una funzione antica svolta con strumenti nuovi.

La forma del mobile mobile porta computer, fatta per contenere il cervello elettronico allude, scherzosamente, all’elmo ed alla celata.

Costruttivamente, il mobile mobile porta computer ha la forma di una sfera con rivestimento in doghe di legno, destinata ad ospitare computer, monitor, stampante e piano per il lavoro.

La struttura portante della sfera è costituita da anelli di acciaio collegati tra loro, il rivestimento è in doghe di legno disposte orizzontalmente nella parte inferiore e verticalmente in quellla superiore. La parte bassa dove si trova la stampante si apre a sportello grazie ad un perno il cui alloggiamento deforma la sagoma della sfera.

Il mobile porta computer può essere agganciato all’angolo di una stanza, tramite apposite staffe, che ne consentono la rotazione o, essere dotato di un supporto verticale. In ogni caso la sfera può ruotare attorno al suo asse verticale, imperinato nell’anello esterno di raccordo. Il rivestimento in doghe di legno garantisce la necessaria ventilazione al computer.

Concept, 1997